Economia e Lavoro

Pesca, Mennea: “Costituire subito fondo di emergenza per il fermo biologico 2020”

“Dopo l’emergenza Covid e la conseguente crisi di liquidità dovuta alle misure sanitarie imposte, adesso per i pescatori e gli acquacultori pugliesi arriva il fermo biologico. Un appuntamento fisso di ogni estate, che però rischia di aggravare una situazione già complicata. E’ per questo che mi unisco alla richiesta, già avanzata dalle parti interessate, di costituire un fondo di emergenza per la pesca pugliese, attivabile rimodulando il piano finanziario del Fondo per gli Affari marittimi e la Pesca 2014-2020, in modo da creare un sistema di ristoro per tutto il comparto e la sua filiera produttiva”. La richiesta è del consigliere regionale Pd, Ruggiero Mennea, che nei mesi scorsi aveva sollecitato la proroga (poi concessa) dei termini per presentare le domande di indennizzo per il fermo biologico 2019, in ragione del blocco dovuto all’epidemia Covid-19.

“La Regione Puglia ha una dotazione finanziaria di 89 milioni di euro, metà di fonte comunitaria, dei quali risultano attualmente impegnate risorse per 55 milioni”, ricorda Mennea. “Per dare respiro al settore della pesca, basterebbero 8 milioni di euro, ovvero il 9% della disponibilità complessiva. Ma occorre un immediato confronto con la Regione Puglia e i responsabili di misura Feamp 2014-2020, in modo da predisporre il fondo di emergenza e iniziare a discutere della prossima programmazione del Feamp 2021-2027”.

Condividi:

Ultimi Articoli

Avviso di selezione pubblica SanitaService

Avviso di selezione pubblica per la formazione di una graduatoria di candidati idonei per l’eventuale assunzione di personale come ausiliario/pulitore presso la società Sanitaservice ASL

Seguimi sui social

Approfondimenti

Informazioni per il cittadino

Buone pratiche Ambientali

differenziata In puglia

Le mie proposte Per la puglia

Politica

Economia e Lavoro

Ambiente e turismo