Politica

Sanità, Mennea (Pd): “La tutela della salute non è questione di campanile o parentela”

“Leggo la presa di posizione del collega Marmo e mi sorprendo. Mi accusa di non fare nulla per l’ospedale di Andria, mi attribuisce la responsabilità di mancati primariati o di inattività delle sale chirurgiche, ma appena intervengo per evitare ai dializzati andriesi ‘viaggi della speranza’ fino a Minervino, mi accusa di fare gli interessi di qualche parente dializzato. Ebbene: non ho parenti dializzati, per loro fortuna. Ma se ne avessi, vorrei evitare loro di dover andare tutti i giorni o quasi fino a Minervino per sottoporsi a dialisi, ben comprendendo che non si possono aggravare ulteriormente le sofferenze altrui. E, con questo spirito, ho pensato di interessarmi alla questione quando mi è stata segnalata”.
primo piano 1Così il consigliere regionale Ruggiero Mennea (Pd), in risposta alle accuse lanciate dal collega Nino Marmo (Fi) oggi, attraverso le pagine della Gazzetta del Mezzogiorno.
“Pur comprendendo – prosegue – le condizioni dell’ospedale Bonomo, sottodimensionato in strutture e personale rispetto al territorio e alla sua utenza, è assurdo attribuire alla mia persona la responsabilità di simili carenze. Voglio far notare che tale situazione va avanti da oltre 20 anni, cioè sin da quando Marmo è stato eletto consigliere regionale e poi promosso assessore nel Governo di centrodestra. E’ troppo facile scaricare su altri responsabilità che dovevano essere tradotte, già da tempo, in fatti e non in chiacchere. Ma forse il collega Marmo si è distratto troppo con l’agricoltura. Personalmente, sostengo da anni la necessità di realizzare finalmente il nuovo ospedale di Andria, facendo i conti però con i fondi e le programmazioni nazionali che condizionano purtroppo le scelte del Governo pugliese. Ma su questo punto ho già assunto un impegno formale e concreto insieme a tutti gli altri consiglieri regionali del territorio, compreso Marmo”.
“Mi si accusa – sottolinea ancora l’esponente Pd – di non fare nulla per il Bonomo e gli andriesi, di assumere posizioni campanilistiche, ma appena intervengono per cercare di risolvere un problema, mi piovono addosso accuse false e assurde. Verrebbe da dire ‘ meglio non fare nulla’. Ma, poiché il compito di un rappresentante delle istituzioni, è fare tutto il possibile per risolvere i problemi, voglio tranquillizzare il collega Marmo – precisa – del fatto che la dialisi riprenderà al Bonomo per tutti i pazienti e che il problema denunciato nei giorni scorsi è stato causato da un eccessivo afflusso in ospedale di persone per il picco influenzale in atto. Con Marmo convengo su una cosa: bisogna stimolare il direttore generale della Asl ad attuare il piano delle opere pubbliche, da lui stesso approvato di recente; mentre per la questione personale lo stesso dg, diligentemente, sta già attuando il nuovo piano delle assunzioni. Il tutto aspettando – conclude Mennea – il nuovo ospedale di Andria”.

L’Ufficio Stampa
Bari, 16 gennaio 2017

Condividi:

Ultimi Articoli

“Mi ritengo soddisfatto per la risposta dell’assessore regionale Leo”

Ruggiero Mennea, capogruppo di Azione in Consiglio regionale, esprime soddisfazione per la risposta dell’assessore regionale Leo sulla situazione della Gazzetta del Mezzogiorno. Mennea sottolinea l’importanza di monitorare attentamente la vicenda e propone un incontro con i rappresentanti del giornale per discutere soluzioni concrete.

Seguimi sui social

Approfondimenti

Informazioni per il cittadino

Buone pratiche Ambientali

differenziata In puglia

Le mie proposte Per la puglia

Politica

Economia e Lavoro

Avviso di selezione pubblica SanitaService

Avviso di selezione pubblica per la formazione di una graduatoria di candidati idonei per l’eventuale assunzione di personale come ausiliario/pulitore presso la società Sanitaservice ASL

Ambiente e turismo