Salute e sociale

COVID-19, Mennea: “Dieci milioni subito per le persone in difficoltà, ma altri fondi saranno recuperati dal bilancio autonomo”

“Finalmente è legge la nostra proposta di destinare i primi 10 milioni di euro per le ‘misure straordinarie per fronteggiare le conseguenze socio-economiche derivanti dalla pandemia Covid-19’. E’ solo un primo contributo destinato alle imprese e alle famiglie in difficoltà, con l’integrazione dei redditi bassi, e in particolare per gli operatori turistico-ricettivi-balneari, della ristorazione, i lavoratori stagionali del settore ricevimenti, gli operatori dell’animazione, della sicurezza e del divertimento, tutti messi con le spalle al muro da questa emergenza. Senza dimenticare un riconoscimento straordinario a tutti gli operatori della sanità impegnati in prima linea nell’emergenza Covid-19. Se per ora la dotazione si ferma a circa 10 milioni già previsti dalla pdl, l’impegno però è quello di indirizzare in favore di queste categorie altre risorse disponibili del bilancio autonomo regionale”. Lo dichiara il consigliere regionale Pd, Ruggiero Mennea, a margine della seduta del Consiglio regionale che ha approvato la pdl firmata insieme ai colleghi Fabiano Amati, Sergio Blasi, Donato Pentassuglia e Gianni Liviano.

“E’ stata accolta – sottolinea – la mia raccomandazione al Governo di procedere, in via prioritaria, ad aiutare le categorie di imprenditori e di lavoratori più danneggiati e non tutelati. L’iniziativa legislativa è passata quasi all’unanimità e ha visto prevalere il senso di responsabilità di tutti in favore dei pugliesi in difficoltà. Dal dibattito in Aula è venuto fuori, inoltre, che tutte le altre risorse, che dovessero essere recuperate dal bilancio autonomo, saranno rese disponibili in tempi brevissimi, abbattendo lungaggini amministrative. Approvata anche la legge sulle ‘misure straordinarie di sostegno al settore lattiero-caseario’ e sarà ora la Giunta a stabilire l’erogazione dei contributi a fondo perduto. Dunque, non si ferma oggi l’impegno dell’intero Consiglio regionale, così come del Governo pugliese, ad aiutare le categorie rimaste indietro, rispetto a chi sta lavorando o ha avuto già la possibilità di riprendere a lavorare. E’ necessario – rimarca Mennea – predisporre strumenti finanziari, a fondo perduto, di indennizzo per imprese e famiglie, in modo da coprire le perdite derivate dal mancato lavoro. Occorre però fare presto e mettere i soldi nelle tasche dei pugliesi in difficoltà, senza generare altri debiti. Se saremo celeri e uniti – conclude – nessuno rimarrà indietro”.

Condividi:

Ultimi Articoli

Seguimi sui social

Approfondimenti

Informazioni per il cittadino

Buone pratiche Ambientali

differenziata In puglia

Le mie proposte Per la puglia

Politica

Economia e Lavoro

Ambiente e turismo