Salute e sociale

Protezione civile, Mennea: “Esportiamo il nostro sistema nei Balcani per renderlo più efficiente”

“La Regione Puglia esporta il proprio sistema di Protezione civile. E’ motivo di orgoglio condividere questo risultato che porta la Puglia a una collaborazione con i Paesi balcanici, in particolare l’Albania e il Montenegro, per attuare un sistema di Protezione civile di ‘area vasta’. E’ ulteriore motivo di orgoglio il fatto che il modello di Protezione civile pugliese sia ormai un sistema collaudato e un punto di riferimento a livello italiano ed europeo. Il nostro obiettivo è quello di strutturare con degli atti formali i sistemi di questi Paesi e, attraverso questo progetto con Albania e Montenegro, effettueremo tutte le attività preliminari per consolidare un sistema integrato ed efficiente”. Lo dichiara Ruggiero Mennea, presidente del comitato permanente di Protezione civile della Puglia, in occasione della presentazione, avvenuta oggi, del progetto di cooperazione transfrontaliera 3 Watch Out “Trilateral model of civil protection: Ways, Tools and Challenges for our safety”. Il progetto – di cui la Regione Puglia è capofila – è finanziato nell’ambito della prima call per i progetti standard dal Programma Interrg Ipa Cbc Italia-Albania-Montenegro 2014-2020, Asse 3 “Protezione dell’ambiente, gestione del rischio e strategia a basse emissioni di carbonio”, con un budget totale di 979.400 euro.

“I punti su cui la Puglia continua a investire – prosegue Mennea – sono la previsione e la prevenzione. Anche perché la nostra regione presenta tutte le varie tipologie di rischi, rispetto ai quali però il nostro sistema ha dimostrato di avere efficienza ed efficacia, oltre che personale qualificato e un volontariato professionalizzato che si rivela necessario per efficientare la macchina dei soccorsi. La Puglia – sottolinea – è un laboratorio di Protezione civile aperto perché affronta i rischi sul campo e, proprio per questo, ha una grande esperienza da esportare in altri Paesi. E questo serve sia a rafforzare il nostro sistema che a costruire e integrare quello degli altri Paesi. Il caso di Atene, in questi giorni, dimostra come sia necessaria infatti l’integrazione dei sistemi di Protezione civile dei vari Paesi, per intervenire tempestivamente e soprattutto per fare insieme un grande lavoro di prevenzione sugli amministratori e sulla popolazione”.

“Ora è tempo – rimarca – di allargare questo orizzonte, portando la nostra macchina di Protezione civile dall’altra parte dell’Adriatico e assumendo una posizione di guida rispetto a una materia che dove diventare un punto prioritario per i governi di tutti i Paesi. Continuiamo su questa strada, anche perché stiamo per varare il progetto Smart Puglia, che darà – conclude – maggiore impulso a tutta l’attività di Protezione civile della Regione Puglia”.

Condividi:

Ultimi Articoli

Le RSA pugliesi aspettano risposte concrete

“Oggi abbiamo richiesto un’audizione davanti alle Commissioni consiliari competenti per avere notizie dal Presidente Emiliano, dal Direttore del Dipartimento Salute, Vito Montanaro e dal Direttore

Seguimi sui social

Approfondimenti

Informazioni per il cittadino

Buone pratiche Ambientali

differenziata In puglia

Le mie proposte Per la puglia

Politica

“Mi ritengo soddisfatto per la risposta dell’assessore regionale Leo”

Ruggiero Mennea, capogruppo di Azione in Consiglio regionale, esprime soddisfazione per la risposta dell’assessore regionale Leo sulla situazione della Gazzetta del Mezzogiorno. Mennea sottolinea l’importanza di monitorare attentamente la vicenda e propone un incontro con i rappresentanti del giornale per discutere soluzioni concrete.

Economia e Lavoro

Avviso di selezione pubblica SanitaService

Avviso di selezione pubblica per la formazione di una graduatoria di candidati idonei per l’eventuale assunzione di personale come ausiliario/pulitore presso la società Sanitaservice ASL

Ambiente e turismo